logotype

L’infedeltà coniugale è un problema che riveste sempre piu' attenzione nell'ambito famigliare, soprattutto con l'incessante diffusione dei social network. E', ovviamente, il tema più delicato in assoluto, in quanto, dal punto di vista personale, genera profonde ripercussioni psicologiche e comportamentali che possono lasciare segni incancellabili. Dal punto di vista giuridico, spesso, implica ripercussioni negative nell'ambito economico-patrimoniale del nucleo famigliare.

L'aspetto principale riveste la presenza dei figli che subiscono, indirettamente, i contrasti famigliari che insorgono, con danni, a volte, permanenti.

Il primo sospetto che si ha verso il partner deve essere valutato con attenzione per iniziare un'attivita' immediata di controllo, e valutare la necessita' di provarla in sede giudiziale quando dovesse servire.

Ogni azienda, dalla più piccola alla più complessa, si trova a dover far fronte a problematiche riguardante il rapporto, a volte conflittuale e non fiduciario, tra datore di lavoro e dipendente. La legge consente al datore di lavoro di incaricare un investigatore privato per raccogliere le informazioni utili a determinare il licenziamento per giusta causa. La questione fondamentale è che l'obiettivo di licenziamento può essere raggiunto attraverso il rispetto delle leggi sulla privacy ed in particolare quelle riguardanti la tutela della libertà delle persone, ma soprattutto la non violazione dello statuto dei lavoratori.

Un altro aspetto che deve attenzionare il datore di lavoro e' l'assenteismo e lo svolgimento di altra attivita' lavorativa del suo dipendente durante il rapporto di lavoro originario, ovvero principale. In questi casi, e' importante valutare attentamente il comportamento del dipendente in previsione di potenziali danni futuri di natura economica e di immagine.

Occorre riservare una fondamentale importanza al momento dell'assunzione del dipendente, con accertamenti specifici sullo stesso, per valutare con profgesiionalita' e certezza l'eventuale assunzione.

Chiunque oggi puo' usufruire di apparecchiature elettroniche, anche a basso costo, per procurare danni di notevole rilevanza e minare la privacy altrui. Esistono misure e contromisure di sicurezza per tutelare la riservatezza delle persone, garntirne l'inattaccabilita', sia a livello informatico che di autodeterminazione, e assicurare massima riservatezza. Il mercato offre prodotti per la Sorveglianza Elettronica (Audio/Video); sono ultra-miniaturizzati e disponibili a centinaia, mentre anche a livello Informatico potenti Software Spia possono essere installati su macchine informatiche di qualsiasi utilizzo, in pochi secondi.

La legge 397/2000 ha introdotto la possibilita' di svolgere indagini difensive all'avvocato, come ormai ampiamente diffusa nei paesi anglo-sassoni.

Ai sensi dell'art. 391 bis del cpp, in combinato disposto con l'art. 327 cpp, si possono acquisire elementi di prova da far valere in sede processuale, consentendo all'avvocato di svolgere le medesime indagini che venivano riservate, fino a qualche tempo fa, al P.M.

Le indagini penali assumono rilevanza perche' e' conferita, all'avvocato titolare dell'attivita', di avere, in qualita' di consulente tecnico di parte, l'investigatore privato.